“Quest’anno niente vacanze” Parte 2

I segnali di sfiga in agguato c’erano tutti:

  • Gli XX che annullano il loro concerto di Firenze.
  • Io che la prima sera faccio cadere una padella che si rovina.
  • Il  materasso che, dopo averci illuso, non arriva a sera gonfio e ci obbliga a comprarne due singoli spendendo il doppio.
  • Vespe voraci e assassine.
  • Una spruzzata di pioggia che mi ha fatto subito pensare al peggio.

Non eravamo però pronti a quanto stava per accadere.
Era una mattina come le altre quella in cui ci siamo messi in viaggio verso Macinaggio, un porticciolo turistico sul lato Est di Capo Corso, curiosi di visitare il mercatino dell’usato e antiquariato che si sarebbe tenuto lì in mattinata, ma è bastato un piccolo attimo di distrazione sulle strette e inerpicate strade corse e in un attimo la macchina di Chicco ha perso presa sulla strada, le ruote sono finite in una buca e ci siamo ritrovati, nel panico, ma incolumi, cinque metri più basso, la nostra corsa fermata da un albero.
La sorte ha fatto sì che nell’agglomerato di case lì nei pressi (sarebbe esagerare chiamarlo paese), risiedesse una famiglia francese in vacanza, e che famiglia:

  • La madre ha controllato con competenza che fossimo tutti interi.
  • Il padre ci ha dato il numero di un carro attrezzi suo amico (sono tutti amici lì).
  • I fratelli più piccoli ci hanno scortato in campeggio.
  • Figlio e fidanzata ci hanno fornito continuo supporto morale e ci hanno prestato presa per il telefono e quant’altro, oltre a darci di nuovo un passaggio, fermato il traffico, aiutato il carro attrezzi, e potrei continuare.

Quello che è seguito è tanta burocrazia, soldi e soldi che se ne sono andati, la ricerca di una nuova macchina (già conclusa), un viaggio di ritorno con addosso almeno trenta chili ciascuno fra attrezzatura da campeggio e da spiaggia, materassi, panni sporchi e sedie che mi hanno fatto ridere di quando mi lamentavo della passeggiata nel deserto, ma ne siamo usciti vivi e arricchiti, se non di denaro, di esperienza.
Progetti per il futuro? Lasciare la macchina a casa.

P.S. Oggi compio trent’anni, ma sto cercando di far passare la cosa in sordina. Vi distrarrò con una canzone.

Annunci

4 risposte a ““Quest’anno niente vacanze” Parte 2

  1. Intanto auguri in ritardo. E non solo per il compleanno, forse ti andavano fatti prima di partire. Sono stata in campeggio anche io quest’estate, e un po’ di cose sono successe anche a me, ma neanche da paragonare a quel che è successo a voi.
    Però dai, guarda i lati positivi: questa vacanza non la dimenticherai facilmente, siete ancora vivi, un po’ più poveri certo, ma felici. XD
    Il bello di avventure da panico così è che a ricordarle (a ricordarle) fanno sempre divertire un sacco.

Dimmi quello che ti passa per la testa.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...