Tutti gli altri ne han trentuno

Come nessuno di voi sa, non avendolo io mai scritto, sono tornato oggi al lavoro dopo un mese sabbatico, dovuto a inutili e complicate burocrazie contrattuali.
In questo mese, crogiolandomi in un dolce e tecnologico ozio, pensavo al funesto giorno in cui mi sarei di nuovo seduto sulla mia sedia blu piena di peli di gatto, di fronte al computer più lento al mondo, fantasticando anche su quanto le cose sarebbero cambiate al mio ritorno.
Nuovi mobili esposti? L’ufficio rivoluzionato? Le mie colleghe con nuovi e vaporosi tagli di capelli? Il capo con una migliore e rinnovata capacità cerebrale? Una boccia di pesci rossi in reception?
È stato duro constatare (anche se in effetti ce lo si poteva aspettare), che non è cambiato assolutamente, tragicamente, inevitabilmente niente.

Annunci

Una risposta a “Tutti gli altri ne han trentuno

Dimmi quello che ti passa per la testa.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...